TINTEGGIARE SENZA MACCHIARE

Molte persone evitano di verniciare pareti e soffitti in quanto hanno il timore di imbrattare anche il pavimento e altri elementi della casa. Per non incombere in questo, basta seguire delle piccole accortezze per ottenere un buon lavoro di tinteggiatura. 

Innanzitutto si può iniziare con il proteggere il pavimento con un telo di nylon e i contorni più ostici  con nastro maschera, per tenere pulite le superfici vetrate si possono stendere su di esse delle pellicole autoadesivePer l'imbiancaggio delle pareti si utilizzano strumenti come il pennello e il rulloIl pennello va imbevuto di idropittura fino a circa metà delle setole, per far si che la parte centrale funga da deposito e la ghiera di collegamento tra setole e manico non si riempie gocciolando. Il rullo va intriso completamente, per poi farlo passare sulla griglia della vaschetta, il rullo permette a differenza del pennello di operare anche senza l'ausilio di una scala o di un trabattello semplicemente collegandolo ad un asta telescopica


Prima di iniziare i lavori è bene preparare le superfici, dopo aver mascherato tutte le superfici come descritto in precedenza è bene ispezionare i muri per cercare eventuali imperfezioni, crepe e buchi da richiudere con dello stucco pronto attraverso l'ausilio di spatole. Una volta stuccate le imperfezioni vanno eliminati gli eccessi di stucco con una spugnetta abrasiva o della carta vetra di grana medio/fine per portare a filo la stuccatura.

Eventuali macchie possono essere rimosse carteggiando la parete.

 

Se la parete è stata in precedenza verniciata con della tempera o con prodotti di scarsa qualità è consigliabile applicare una mano di fissativo acrilico per interno questo garantirà una presa efficace della nuova idropittura ed eviterà screpolature e la formazione di bolle durante la verniciatura.


1. E' bene partire dagli angoli del soffitto con una mano di idropittura meno densa rispetto alla seconda mano ( rispettare le indicazioni di diluizioni riportate sulla confezione dell'idropittura ) utilizzando un apposito rullo per angolo o un pennello tondo per un lavoro preciso

2. Se il soffitto presenta cornici di varie tinte bisogna proteggerli con del nastro maschera; è bene utilizzare pennelli più piccoli per un lavoro preciso.

3. Se le pareti dovranno essere colorate è bene "allargare" la tinteggiatura dell'angolo anche nel muro sottostante di almeno 3-4 cm ( se si vuole lasciare una cornice del colore del soffito di 2 cm).

4. Esistono rotoli di tessuto non tessuto assorbenti per coprire il pavimento durante l'operazione di verniciatura del soffitto e delle pareti.

5. Prima di iniziare la pareri bisogna aver terminato il soffito (prima e seconda mano). Se le pareti dovranno essere di un colore differente rispetto al soffitto, va attesa la completa asciugatura degli angoli superiori per poter applicare il nastro maschera dello spessore desiderato (normalmente 2.5 cm).

6. La parte bassa della parete,nella zona prossima allo zoccolino battiscopa, può essere rifinita con la pennellessa ,diretta in orizzontale, purchè lo zoccolino venga isolato e protetto da eventuali sbavature con nastro maschera opppure con carte e pellicole autoadesive usa e getta. Le carte vengono usate per coprire telai di serramenti o cornici e le pellicole autoadesive sono adatte a proteggere superfici vetrate.

7. Una volta mashcerati la parte bassa della parete ( ed eventualmente applicato il nastro maschera nell'angolo superiore della parete) si può procedere alla tinteggiatura degli angoli ( è consigliabile procedere una paerete per volta ) per poi passare all'intera superficie della parete.